Zagorski bagremov med Dop

Pubblicato da Eurodop Nessun commento

Domo Rosada Sardinia Affitti brevi

 

 

Zagorski bagremov med is produced from the nectar of acacia (Robinia pseudoacacia), as the predominant plant species, and from concomitant melliferous plants from the Hrvatsko Zagorje region. The region’s specific geomorphological and climatic conditions influenced the emergence of the concomitant plant species, which, together with the main plant species, affect the botanical origin of the honey.
Lo Zagorski bagremov med è prodotto dal nettare di acacia (Robinia pseudoacacia), come specie vegetale predominante, e da piante mellifere concomitanti della regione di Hrvatsko Zagorje.

Dop Zagorski bagremov med Hr

Zagorski bagremov med

N. UE: PDO-HR-02612 – 1 giugno 2020

DOP (X) IGP ( )

1.    Nome/i [di DOP o IGP]

'Zagorski bagremov med'

2.    Stato membro o Paese terzo

Repubblica di Croazia

3.    Designazione del prodotto agricolo o alimentare

3.1.   Tipo di prodotto

Classe 1.4 Altri prodotti di origine animale (uova, miele, latticini vari escluso il burro, ecc.)

3.2.   Descrizione del prodotto a cui si applica il nome in (1).

3.2.1.   Definizione del prodotto

Lo «Zagorski bagremov med» è prodotto dal nettare di acacia (Robinia pseudoacacia), come specie vegetale predominante, e da piante mellifere concomitanti della regione di Hrvatsko Zagorje. Le specifiche condizioni geomorfologiche e climatiche della regione hanno influenzato l'emergere delle specie vegetali concomitanti che, insieme alle principali specie vegetali, influenzano l'origine botanica del miele. Il prodotto viene immesso sul mercato sotto forma di miele estratto, miele di favo o miele estratto con favo tagliato.

3.2.2.   Caratteristiche del polline

Oltre al polline di acacia ( Robinia pseudoacacia ), nello spettro pollinico di 'Zagorski bagremov med' può essere presente anche il polline delle seguenti specie di nettare: corniolo ( Cornus sanguinea ), olivello spinoso ( Frangula alnus ), loranto europeo ( Loranthus europaeus ), piante della famiglia dei compositi (Asteraceae), acero ( Acer spp.), trifoglio rosso ( Trifolium pratense ), tarassaco ( Taraxacum officinale ), piante della famiglia delle crucifere (Brassicaceae), specie da frutto ( Prunus spp.) , piante della famiglia dei compositi di tipo tarassaco (Asteraceae: Taraxacumtipo), piante della famiglia delle ombrellifere (Apiaceae), senape ( Sinapis spp.), tiglio ( Tilia spp.), trifoglio ( Lotus corniculatus ), fiordaliso ( Centaurea spp.) e il polline di altre specie vegetali in proporzioni minori . Nello spettro pollinico possono essere presenti anche i pollini delle seguenti specie vegetali non nettarifere: frassino ( Fraxinus spp.), zafferano ( Dactylis glomerata ), piante della famiglia delle graminacee (Poaceae), platano ( Plantago spp.), olmaria ( Filipendula spp.), carice ( Carex spp.), quercia ( Quercus spp.) e papavero ( Papaver spp.).

Quando il contenuto di polline delle specie vegetali non nettare in 'Zagorski bagremov med' è dedotto dalla quantità totale di polline, più del 27 % deve essere polline di acacia ( Robinia pseudoacacia ).

3.2.3.   Caratteristiche organolettiche

Lo «Zagorski bagremov med» presenta le seguenti caratteristiche organolettiche:

Aspetto esteriore

Colore: molto chiaro, da quasi incolore a giallo paglierino, a seconda di quanto sia unifloreale il campione di miele.

Chiarezza: estremamente chiara.

Cristallizzazione: rimane a lungo allo stato liquido, cristallizzando raramente.

Odore

Non intenso e può avere un odore percettibile di fiori di acacia e cera fresca, a seconda di quanto sia unifloreale il campione di miele.

Gusto

Da medio a molto dolce, con bassa acidità.

Gusto

Sapore di breve e media persistenza di vaniglia, fiore di acacia, favo vergine e burro fresco.

3.2.4.   Parametri fisico-chimici

Contenuto d'acqua: non più del 18,0 %.

Conducibilità elettrica: non superiore a 0,25 mS/cm.

Contenuto di idrossimetilfurfurolo (HMF): non più di 15 mg/kg di miele.

3.3.   Mangimi (solo per prodotti di origine animale) e materie prime (solo per prodotti trasformati)

È vietato nutrire le colonie di api mentre le api sono al pascolo.

3.4.   Fasi specifiche della produzione che devono avvenire nella zona geografica individuata

Tutte le fasi della produzione dello «Zagorski bagremov med» (pascolo ed estrazione) devono avvenire nella zona geografica definita al punto 4.

3.5.   Norme specifiche in materia di affettatura, grattugiatura, confezionamento, ecc. del prodotto a cui si riferisce la denominazione registrata

Per garantire la qualità e la tracciabilità del prodotto, lo «Zagorski bagremov med» deve essere confezionato nella zona geografica delimitata. Durante il trasporto, temperature (alte) non idonee possono alterare i parametri fisico-chimici e le caratteristiche organolettiche dello «Zagorski bagremov med», oppure possono far sì che il miele assuma odori estranei indesiderati o attiri umidità dall'aria. Per questo motivo per il confezionamento del miele vengono utilizzati coperchi ermetici e si consiglia l'uso di coperchi di metallo.

Per il confezionamento del miele vengono utilizzate confezioni di dimensioni diverse, a seconda delle condizioni di mercato, e viene tenuta una relativa registrazione.

3.6.   Norme specifiche in materia di etichettatura del prodotto a cui si riferisce il nome registrato

Prima di essere immessi sul mercato, tutti gli imballaggi devono recare lo speciale logo 'Zagorski bagremov med', che deve essere più grande delle altre scritte presenti sull'imballaggio. La rappresentazione grafica del logo è costituita da uno sfondo nero, con al centro il testo ZAGORSKI BAGREMOV MED, le parole 'zagorski' e 'med' in bianco e la scritta 'bagremov' in giallo. A sinistra del testo ci sono tre api bianche stilizzate di varie dimensioni (Figura 1).

 

Zagorski bagremov med

 

Figura 1 Il logo 'Zagorski bagremov med'

4.    Definizione sintetica dell'area geografica

La zona geografica di produzione dello «Zagorski bagremov med» comprende la regione di Hrvatsko Zagorje, più precisamente: la contea di Krapina-Zagorje nella sua interezza; la parte occidentale della contea di Varaždin, che comprende le città ei comuni di Bednja, Lepoglava, Ivanec, Novi Marof, Breznički Hum e Breznica; e il confine della contea di Zagabria al confine con le contee di Krapina-Zagorje e Varaždin, che comprende i comuni di Brdovec, Marija Gorica, Pušća, Dubravica, Luka, Jakovlje, Bistra e Bedenica e gli insediamenti di Kupljenovo, Bregovljana, Hruševec Kupljenski e Pojatno.

5.    Legame con l'area geografica

Specificità della zona geografica

La vegetazione naturale e l'agricoltura estensiva caratterizzano la maggior parte della regione di Hrvatsko Zagorje, che ha poca produzione agricola o industria intensiva. L'area geografica definita al punto 4 offre quindi condizioni ottimali per lo sviluppo dell'apicoltura.

La specificità dello «Zagorski bagremov med» è in gran parte determinata da fattori topografici e climatici e dalle risorse floreali dell'area geografica delimitata.

L'area geografica delimitata ha un clima umido di tipo continentale. L'inverno è relativamente mite, l'estate moderatamente calda, l'autunno leggermente più caldo della primavera ei valori medi di entrambe le stagioni di transizione superano la temperatura media annuale. Il tardo autunno e l'inverno sono spesso più caldi e soleggiati in collina che in pianura. Le valli subiscono spesso il gelo, che le colline vengono risparmiate. Hrvatsko Zagorje ha un andamento delle precipitazioni continentale, con piogge frequenti e abbondanti in maggio, giugno e luglio, cioè durante il periodo vegetativo. Novembre vede un altro picco di precipitazioni, mentre febbraio e marzo vedono le precipitazioni minori. Le precipitazioni annuali sono di circa 1 000 mm. I venti sono modificati dal terreno collinare. I venti occidentali sono i più frequenti, durano per il 45 % dell'anno, seguiti da quelli orientali, che durano per il 29 % dell'anno, mentre circa il 6% dell'anno è privo di vento. La forza massima del vento varia dalla forza 6 alla forza 9, i venti più forti si verificano dal tardo autunno all'inizio della primavera (Crkvenčić et al, 1974b, in:Geografija SR Hrvatske [Geografia della Repubblica socialista di Croazia], pp. 69-81).

Una caratteristica specifica e riconoscibile di Hrvatsko Zagorje è la sua moltitudine di colline, che risparmiano agli alberi di acacia le gelate tardive primaverili. Il terreno collinare consente inoltre all'acacia di fiorire - e alle api di pascolare - più a lungo, poiché l'acacia fiorisce prima nelle zone protette più basse prima di fiorire a quote più elevate. Mentre le api pascolano sull'acacia per una media di circa 10-12 giorni nelle pianure della Croazia, nell'area geografica delimitata la configurazione del terreno si estende a 20 giorni (Šimić, 1980, in: Naše medonosno bilje [Le nostre piante mellifere] , pagg. 84 e 85).

Le condizioni climatiche dell'area geografica delimitata influenzano notevolmente la secrezione di nettare. Secondo Farkas e Zajacz (2007) ( Nectar Production for the Hungarian Honey Industry , p. 134), le condizioni ottimali per la secrezione del nettare di acacia sono assenza di vento, notti calde (circa 15 °C) con sufficiente rugiada mattutina e moderatamente giornate calde con una temperatura diurna di 25 °C. Valori approssimativi per quanto riguarda la temperatura dell'aria sono stati confermati in uno studio di Krušelj condotto su un periodo di tre anni durante la fioritura dell'acacia nella contea di Krapina-Zagorje (tesi di dottorato 2012 Utjecaj vremenskih i proizvodnih uvjeta na kakvoću bagremova meda s područja Krapinsko-zagorske županije[Influenza delle condizioni meteorologiche e di produzione sulla qualità del miele di acacia della contea di Krapina-Zagorje], pp. 66, 77 e 81).

La specificità dell'area geografica delimitata si riflette anche nelle sue risorse floreali, ovvero la presenza di popolamenti di acacie, la maggior parte dei quali si trovano in gruppi o sono mescolati con altre specie arboree. Essendo una pianta altamente riproduttiva, l'acacia si diffonde facilmente, occupando rapidamente un terreno umido e fertile e può fungere da specie pioniera.

L'area geografica delimitata ha una tradizione secolare di apicoltura, che era una delle principali attività agricole dei manieri e delle tenute di Zagorje. Il miele e la cera erano alcuni dei prodotti più ricercati sul mercato. Ecco perché, già nel 1626, il Parlamento croato (Petrić, 2011, in: Samobor i okolica u ranom novom vijeku [Samobor e dintorni durante la prima età moderna], pp. 309-310 e F. Šišić, 1918, in : Podatci o skladištima meda [Dati sui magazzini del miele], Documenti parlamentari croati, pp. 458, 465) ha decretato che il miele poteva essere esportato solo dalle città di Krapina, Varaždin e Samobor (Mudrinjak, 2017, in: Hrvatska pčela[L'ape da miele croata], pp. 203-205). Il miele esportato dalla Croazia doveva essere pesato e venivano pagati 2 Kreuzer per ogni 100 kg di miele pesati.

Specificità del prodotto

La presenza di granuli pollinici delle specie vegetali presenti nella zona di produzione permette di determinare l'origine sia geografica che botanica del miele. Secondo i risultati delle analisi del polline di numerosi studi, il 20 % minimo di grani di polline di acacia richiesto per dichiarare una varietà di miele unifloral sale al 27 % per «Zagorski bagremov med». Il carattere decisamente unifloreale di questo miele si riflette nelle sue proprietà fisico-chimiche (conducibilità elettrica) e nell'espressività delle sue caratteristiche organolettiche, evidenziandone specificità e particolarità rispetto a campioni della stessa tipologia di miele provenienti da altre regioni. Inoltre, anche dopo anni di valutazione del miele di acacia dell'area geografica delimitata, il monitoraggio dell'origine botanica dei suoi campioni non ha evidenziato tracce di polline di colza.

Legame causale tra la specificità della zona geografica e la specificità del prodotto

I fattori topografici e climatici e le risorse floreali della zona geografica delimitata per la produzione dello «Zagorski bagremov med» ne determinano la specificità. La configurazione del terreno (terreno collinare) di Hrvatsko Zagorje influenza la durata della fioritura dell'acacia e, quindi, il pascolo delle api, che si estende a 20 giorni. Allo stesso tempo, a causa delle proprietà del suolo (terreni più pesanti, acidi), dei piccoli appezzamenti frammentati e della difficoltà nell'applicazione delle tecniche agricole, non esiste una tradizione di coltivazione della colza, il che rende l'area geografica delimitata specificatamente adatto alla produzione di «Zagorski bagremov med» rispetto ad altre parti della Croazia dove il miele di acacia viene prodotto in aree coltivate a colza ed è impossibile evitare la presenza del nettare (e,

La specificità dello «Zagorski bagremov med» si basa sulla lunga tradizione dell'apicoltura, per cui il legame con l'area geografica delimitata si riflette anche negli elementi storici, tradizionali e culturali.

Uno dei principali legami storici con la produzione di miele e cera a Hrvatsko Zagorje è la produzione di liticar [un dolce biscotto di pasta al miele, come il pan di zenzero] e candele. L'artigianato del pan di zenzero arrivò in questa regione a cavallo tra il XVI e il XVII secolo attraverso le rotte commerciali nell'ambito della Gilda dei Liticari della Stiria , e rimane qui fino ad oggi. L'artigianato del pan di zenzero a Hrvatsko Zagorje è stato riconosciuto ed inserito nell'elenco rappresentativo del patrimonio culturale immateriale dell'umanità dell'UNESCO nel 2010.

L'elevata qualità della produzione dello «Zagorski bagremov med» è il prodotto delle competenze acquisite dagli apicoltori di Hrvatsko Zagorje negli approcci tecnologici contemporanei all'allevamento delle colonie di api e nella preparazione del miele per il mercato. Questi apicoltori prestano particolare attenzione alla ricerca dei luoghi migliori per gli apiari sia fissi che nomadi e all'estrazione tempestiva, che è un prerequisito per la produzione di miele di qualità.

Negli ultimi 16 anni, la contea di Krapina-Zagorje e la Federazione delle associazioni di apicoltori della contea di Krapina-Zagorje hanno organizzato un evento per promuovere la qualità dello «Zagorski bagremov med» e degli apicoltori di Zagorje, in cui viene presentato il miele della contea di Krapina-Zagorje e giudicato.

A riprova della specificità di «Zagorski bagremov med» rispetto al miele di acacia di altre parti della Croazia, un campione di miele di acacia di un apicoltore di Konjščina a Hrvatsko Zagorje è stato dichiarato il migliore al mondo al Forum Apimedica e Apiquality svoltosi a Lubiana nel 2010. Oltre a questo successo, da molti anni "Zagorski bagremov med" dell'area geografica delimitata si è costantemente classificato ai vertici degli eventi di valutazione del miele tenuti in Croazia e nella vicina Slovenia.

Riferimento alla pubblicazione del disciplinare

(articolo 6, paragrafo 1, secondo comma, del presente regolamento)

https://poljoprivreda.gov.hr/UserDocsImages/dokumenti/hrana/zoi-zozp-zts/dokumenti-zoi-zozp-zts/Specifikacija_proizvoda_Zagorski_bagremov_med.pdf


1 )   GU L 343 del 14.12.2012, pag. 1 .

 

Ricerca rapida : Cerca con le categorie Dop o con i tag Zagorski bagremov med, categoria 1-4, croazia, croazia 1-4, croazia dop, croazia dop 14, dop, dop-categoria 1-4, miele

 

Ultimi articoli

  • Vicenza Dop - Italia
  • Pernil Cerretà Igp - Spagna
  • Valašský frgál Igp
  • Sebadas / Seadas / Sabadas / Seattas /Savadas / Sevadas di Sardegna Igp - Italia
  • Μακαρόνια της Σμίλας/ Makaronia tis Smilas/ Μακαρόνια του Σκλινιτζιού/ Makaronia tou Sklinitziou Igp