Valašský frgál Igp

Pubblicato da Eurodop Nessun commento

Domo Rosada Sardinia Affitti brevi

 

 

Valašský frgál è una torta rotonda con un diametro di 30-32 cm. Conosciuto anche colloquialmente come "vdolek", "pecák" o "lopaťák", è composto da un impasto fine a base di lievito e ha una guarnizione.
A cottura ultimata il colore della torta è dorato, mentre quello del topping è caratteristico del topping utilizzato, con una sbriciolata chiara in superficie, che può essere spolverata con briciole di panpepato e cannella in polvere, irrorata con burro e cosparsa di zucchero.

Valašský frgál Igp Igp

 

 

Valašský frgál

N. UE: PGI-CZ-0805-AM01-28.8.2020

DOP ( ) IGP (X)

1.    Gruppo di richiedenti e legittimo interesse

Sdružení Valašské lidové tradice [Associazione delle tradizioni popolari di Valašsko]

Pavla Stoklasová, Velké Karlovice 326

756 06 Velké Karlovice

tel. + 420 736136364

E-mail: stoklasova.pavla@seznam.cz

L'interesse legittimo deriva dal fatto che l'associazione (la ricorrente) è il legittimo produttore e l'utilizzatore del nome «Valašský frgál» ei suoi membri gestiscono stabilimenti nella zona delimitata.

2.    Stato membro o Paese terzo

Repubblica Ceca

3.    Intestazione del disciplinare di prodotto interessato dalla/e modifica/e

☐ Nome del prodotto

☒ Descrizione del prodotto

☐ Area geografica

☐ Prova dell'origine

☒ Metodo di produzione

☐ Collegamento

☐ Etichettatura

☐ Altro [da specificare]

4.    Tipo di modifica/i

☒ Modifica del disciplinare di produzione di una DOP o IGP registrata da non qualificare come minore ai sensi dell'articolo 53, paragrafo 2, terzo comma, del regolamento (UE) n. 1151/2012

☐ Modifica del disciplinare di produzione delle DOP o IGP registrate per le quali non è stato pubblicato un Documento Unico (o equivalente) per non essere qualificate come minori ai sensi dell'articolo 53, paragrafo 2, terzo comma, del regolamento (UE) n. 1151/2012

5.    Modifica(i)

I. Modifiche relative alla descrizione del prodotto:

1. emendamento

io.

Punto 4.2(1) delle Specifiche

un.

Dopo il settimo periodo del comma 1, vanno aggiunte le due frasi seguenti: «Quando sono distribuite alla vendita per il consumo immediato, le torte possono essere trasportate anche sfuse in contenitori idonei a preservarne la qualità e l'igiene, fatte salve le prescrizioni di etichettatura della normativa in forza incontrata. Non devono essere riconfezionati; dopo il trasporto sono destinati esclusivamente alla vendita diretta».

b.

Motivazione: questo emendamento risponde alla domanda dei consumatori (nei mercati e nelle fiere) di vendere prodotti non confezionati per il consumo immediato e consente di assemblare un intero «Valašský frgál» da parti con condimenti diversi.

ii.

Punto 3.2, comma 6, del Documento Unico

un.

La prima frase del paragrafo 6 dovrebbe essere modificata aggiungendo "e quando è distribuita per la vendita per il consumo immediato" e le due nuove frasi seguenti dovrebbero essere aggiunte dopo la prima frase modificata del paragrafo 1: "I dolci non imballati devono essere trasportati in contenitori adeguati per mantenere qualità e igiene e devono essere rispettati i requisiti di etichettatura della legislazione in vigore. Non devono essere riconfezionati; dopo il trasporto sono destinati esclusivamente alla vendita diretta».

b.

Nuova formulazione del paragrafo 6: «Nel luogo di produzione e al momento della vendita per il consumo immediato, i dolci possono essere venduti non imballati. Le torte sfuse devono essere trasportate in contenitori idonei a mantenerne la qualità e l'igiene e devono essere rispettati i requisiti di etichettatura della normativa vigente. Non devono essere riconfezionati; dopo il trasporto sono destinati esclusivamente alla vendita diretta».

c.

Motivazione: cfr. parte I, primo emendamento, e i(b), secondo emendamento

2. emendamento

io.

Punto 4.2 del Disciplinare 'Caratteristiche', sesto trattino, e, conseguentemente, punto 4.5 'Modalità di realizzazione delle varie guarnizioni', sesto comma (riguardante le guarnizioni di mirtillo) del Disciplinare

un.

Il sesto trattino va modificato aggiungendo «lo stesso vale per le guarnizioni di fragole, mirtilli e frutti di bosco; le proprietà corrispondono al tipo di frutta utilizzata» e «lo stesso vale per le guarnizioni di fragole, mirtilli e frutti di bosco». va aggiunto alla fine del paragrafo 6 (per quanto riguarda le guarnizioni di mirtillo).

b.

Motivi: la gamma di frutta utilizzata per la guarnizione deve essere ampliata grazie all'innovazione guidata dalla domanda dei consumatori e dalla migliore disponibilità di materie prime.

ii.

Punto 3.2, comma 3, del Documento unico e, conseguentemente, anche punto 3.3, comma 10, del Documento unico

un.

Le parole "fragola, mirtillo rosso, frutti di bosco" dovrebbero essere aggiunte all'elenco dei frutti tra parentesi nella prima frase del punto 3.2, paragrafo 3.

b.

La prima frase del punto 3.3, punto 10, dovrebbe essere modificata aggiungendo le seguenti parole: «lo stesso vale per le guarnizioni di fragole, mirtilli e frutti di bosco».

c.

Motivazione: Cfr. parte I, secondo emendamento, punto i(b).

3. emendamento

io.

Punto 4.2, 'Composizione', prima frase, di 'Specifica'

un.

Le parole "semigrossa" e "o miscela di farina fine, semigrossa e grossa" dovrebbero essere soppresse.

b.

Motivi: I produttori utilizzano tradizionalmente diverse miscele di tipi di farina di frumento senza che ciò influisca sulle caratteristiche finali del prodotto, pertanto le informazioni sui tipi di farina di frumento dovrebbero essere cancellate per motivi di chiarezza.

ii.

Punto 3.3(1) del Documento Unico

un.

I termini «farina di frumento semigrossa e/o una miscela di tre tipi di farina (macinata fine, semigrossa e grossa)» dovrebbero essere soppressi.

b.

Motivazione: Cfr. parte I, terzo emendamento, punto i(b).

4. emendamento

io.

Punto 4.2 e segg. delle Specifiche

un.

La parola "dolcificante" è pertanto sostituita da "dolcificante naturale (fruttosio)" in tutto il documento.

b.

Motivazione: per motivi di accuratezza e chiarezza terminologica, una delle materie prime (il tipo di dolcificante) deve essere armonizzata in tutto il documento.

ii.

Punto 3.3 e segg. del Documento Unico

un.

La parola "dolcificante" è pertanto sostituita da "dolcificante naturale (fruttosio)" in tutto il documento.

b.

Motivazione: Cfr. parte I, quarto emendamento, punto i(b).

5. emendamento

io.

Punto 4.2 e segg. delle Specifiche

un.

Il termine "tuorli d'uovo" dovrebbe essere seguito da "o uova intere" in tutto il documento.

b.

Motivazione: In considerazione delle differenze tra le ricette di famiglia dei singoli produttori derivanti dal disciplinare vigente, non si può escludere l'uso di uova intere, per quanto relativamente poco comune, in quanto il loro impiego non altera le caratteristiche finali del prodotto.

ii.

Punto 3.3 e segg. del Documento Unico

un.

Il termine "tuorli d'uovo" dovrebbe essere seguito da "o uova intere" in tutto il documento.

b.

Motivazione: Cfr. parte I, quinto emendamento, punto i(b).

6. emendamento

io.

Punto 4.2 'Composizione', prima frase, di 'Specifica'

un.

Le parole "succhi di frutta (limone, mela, pera)" devono essere spostate e inserite dopo la prima frase come seconda frase con la seguente dicitura: "Si possono aggiungere succhi di frutta (limone, mela, pera).".

b.

Motivazione: per coerenza con la prima frase della "Composizione", l'elenco degli ingredienti deve essere modificato. Inoltre, date le differenze tra le ricette di famiglia dei singoli produttori derivanti dal disciplinare vigente, è necessario modificare le norme sull'uso dei succhi di frutta. La variabilità risulta dall'attuale formulazione dell'ultima frase del punto 4.2 'Composizione'.

ii.

Punto 3.3(1) del Documento Unico

un.

Le parole "succhi di frutta (limone, mela, pera)" devono essere spostate e inserite dopo la prima frase come seconda frase con la seguente dicitura: "Si possono aggiungere succhi di frutta (limone, mela, pera).".

b.

Motivazione: Cfr. parte I, sesto emendamento, punto i(b).

7. emendamento

io.

Punto 4.2 'Composizione' di 'Specifica'

un.

I termini "peso totale dell'impasto" dovrebbero essere sostituiti in tutto il paragrafo con "peso totale della farina".

b.

Motivazione: Dopo la registrazione dell'indicazione geografica, rigorosi controlli sulle proporzioni delle materie prime utilizzate per la realizzazione dell'impasto hanno rivelato un errore formale, con erroneamente indicate le proporzioni delle singole materie prime utilizzate per la realizzazione dell'impasto in relazione al peso finale di l'impasto. Vanno infatti indicati in relazione al peso della farina. Le proporzioni delle materie prime devono essere in relazione alla farina, altrimenti l'impasto sarebbe inutilizzabile.

ii.

Punto 3.3, comma 2, del Documento Unico

un.

I termini "peso totale dell'impasto" dovrebbero essere sostituiti in tutto il paragrafo con "peso totale della farina".

b.

Motivazione: Cfr. parte I, settimo emendamento, punto i, lettera b).

II. Modifiche relative al "Metodo di produzione":

1. emendamento

io.

Punto 4.5(1), ultima frase, del Disciplinare

un.

Dopo l'ultima frase del comma 1, vanno aggiunte le seguenti due frasi: «Nel momento della distribuzione alla vendita per il consumo immediato, le torte sfuse devono essere trasportate in contenitori idonei a mantenere la qualità e l'igiene e devono essere rispettati i requisiti di etichettatura della normativa vigente . Le torte non devono essere riconfezionate; dopo il trasporto sono destinati esclusivamente alla vendita diretta».

b.

Motivazione: Cfr. parte I, primo emendamento, punto i(b).

2. emendamento

io.

Punto 4.5 'Modalità di produzione delle varie guarnizioni' del terzo comma (riguardante le guarnizioni di carote) del Disciplinare

un.

Alla seconda frase va aggiunto quanto segue: «oppure, a seconda delle usanze locali, solo acqua potabile».

b.

La seconda frase dovrebbe ora essere: "Zucchero o dolcificante naturale e latte o, a seconda delle usanze locali, si aggiunge solo acqua potabile e si fa bollire la miscela".

c.

Motivazione: viste le differenze tra le ricette di famiglia dei singoli produttori derivanti dal disciplinare vigente, è necessario modificare le regole sull'uso di determinati ingredienti in quel tipo di condimento.

3. emendamento

io.

Punto 4.5 del 'Metodo di realizzazione delle varie guarnizioni' del sesto comma (relativo alle guarnizioni di mirtillo) del Disciplinare

un.

L'intero paragrafo deve essere riformulato.

b.

Testo precedente: "Il topping ai mirtilli è una combinazione di marmellata di mirtilli stabili al forno e mirtilli freschi, stufati o congelati, che vengono spalmati sulla marmellata di mirtilli".

c.

Nuova formulazione (unitamente al secondo emendamento alle "Modifiche relative alla designazione del prodotto" della presente domanda): "La guarnizione di mirtillo è composta da mirtilli freschi, stufati o congelati, che possono essere spalmati su marmellata stabile al forno, e lo stesso vale per guarnizioni di fragole, mirtilli e frutti di bosco.'

d.

Motivi: la gamma di frutta utilizzata per le guarnizioni deve essere ampliata come risultato dell'innovazione guidata dalla domanda dei consumatori e dalla migliore disponibilità delle materie prime. Inoltre, date le variazioni tra le ricette di famiglia dei singoli produttori secondo il disciplinare vigente, dovute alle tradizioni familiari e locali e alla diversa condizione sociale dei fornai e dei loro clienti, è necessario modificare le norme su questo tipo di farcitura.

4. emendamento

io.

Punto 4.5 della 'Modalità di realizzazione delle varie guarnizioni' del settimo comma (riguardante le guarnizioni di albicocca) del Disciplinare

un.

L'intero paragrafo deve essere riformulato.

b.

Nuova formulazione: "La guarnizione di albicocche è composta da albicocche fresche, stufate o congelate, tagliate in pezzi più piccoli, che possono essere spalmati su marmellata stabile al forno".

c.

Motivazione: Cfr. parte II, terzo emendamento, punto i, lettera d).

5. emendamento

io.

Punto 4.5 di 'Modalità di realizzazione delle varie guarnizioni di cui all'undicesimo comma (riguardante le guarnizioni di carote) del Disciplinare

un.

La parola “aggiunto” nella seconda frase dovrebbe essere sostituita da “può essere aggiunto”.

b.

Motivazione: Date le differenze tra le ricette di famiglia dei singoli produttori derivanti dal disciplinare vigente, è necessario modificare le regole su questo tipo di condimento. La variabilità risulta dall'attuale formulazione dell'ultima frase del punto 4.2 “Composizione”.

ii.

Punto 3.3 al paragrafo 15 del Documento Unico

un.

La parola "semi di papavero" dovrebbe essere spostata e inserita alla fine del paragrafo 15 con la seguente dicitura: "si possono aggiungere semi di papavero".

b.

Nuova formulazione: Topping di carote: carote fresche, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, zucchero vanigliato, burro, grasso vegetale, olio vegetale, farina di grano tenero fine, acqua potabile, cannella in polvere, sale; si possono aggiungere semi di papavero.

c.

Motivazione: Cfr. parte I, quinto emendamento, punto i(b).

III. Emendamenti editoriali

1. emendamento

In linea con il nuovo modello del Documento Unico, il punto 5 del Documento Unico è stato ristrutturato eliminando le duplicazioni e chiarendo l'intero testo ai fini del nuovo modulo. Questo è un emendamento puramente formale; non ci sono modifiche alla specifica.

2. emendamento

Conformemente alle modifiche normative, la numerazione del Documento Unico deve essere adeguata alla forma attuale.

3. emendamento

Al punto 2 della Specifica “Gruppo”, è necessario modificare il nome del gruppo e modificare l'indirizzo del contratto ei recapiti.

IV. Modifiche relative al solo Documento Unico

1. emendamento

Punto 3 del Documento Unico - Fasi specifiche della produzione che devono avvenire nella zona geografica individuata

un.

Nella prima frase vanno inserite le parole “slicing”.

b.

Nuova dicitura: “Tutte le fasi, dalla realizzazione dell'impasto (a causa del metodo utilizzato, poiché l'impasto contiene lievito, non possono esserci ritardi tra le singole fasi di lavorazione) alla stesura del topping e alla cottura della torta e la sua successiva affettatura e confezionamento, devono avvenire nella zona geografica delimitata nell'interesse del mantenimento della qualità e dell'igiene”.

c.

Motivazione: il chiarimento è necessario per eliminare significative ambiguità, in quanto la sequenza logica di manipolazione delle torte rende le informazioni sull'affettatura cruciali per la definizione del processo complessivo di produzione delle torte, che è in linea con la quattordicesima frase del paragrafo 4.5, paragrafo 1.

2. emendamento

Punto 3 del Documento Unico “Norme specifiche in materia di affettatura, grattugiatura, confezionamento, ecc.”

un.

Va aggiunta la seguente frase: "Le torte possono essere vendute sfuse per il consumo immediato".

b.

Motivazione: la modifica è resa necessaria dalla formulazione della settima frase del punto 4.2, paragrafo 1, del disciplinare e dalla prima modifica risultante dalla parte I della presente domanda.

DOCUMENTO UNICO

“VALAŠSKÝ FRGÁL”

N. UE: PGI-CZ-0805-AM01 – 28.8.2020

DOP ( ) IGP (X)

1.    Nome/i [(DOP o IGP)]

“Valašský frgál”

2.    Stato membro o Paese terzo

Repubblica Ceca

3.    Designazione del prodotto agricolo o alimentare

3.1.   Tipo di prodotto (come nell'allegato XI)

Classe 2.3.

Pane, pasticceria, torte, confetteria, biscotti e altri prodotti da forno

3.2.   Descrizione del prodotto a cui si applica il nome in (1).

Una torta rotonda con un diametro di 30-32 cm. Conosciuto anche colloquialmente come "vdolek", "pecák" o "lopaťák", è composto da un impasto fine a base di lievito e ha una guarnizione.

A cottura ultimata il colore della torta è dorato, mentre quello del topping è caratteristico del topping utilizzato, con una sbriciolata chiara in superficie, che può essere spolverata con briciole di panpepato e cannella in polvere, irrorata con burro e cosparsa di zucchero.

I tipi di guarnizione utilizzati sono pera, ricotta, semi di papavero, povidla, frutta (prugna, mela, mirtillo, albicocca, fragola, mirtillo rosso, frutti di bosco), noce, cavolo (cavolo fresco o crauti), carota e cavolo rapa. Il topping rappresenta circa il 42-48 % dell'intero prodotto.

La torta viene posta su una base di carta circolare e più comunemente confezionata in un involucro termoretraibile o in un altro tipo di involucro alimentare utilizzato sul mercato. Può anche essere confezionato in una scatola di cartone, una scatola di plastica o di legno o un involucro di carta oleata.

Tipologie di confezionamento: torte integrali: 600-700 g; metà 300-350 g; quarti: 150-175 g.

Nel luogo di produzione e al momento della messa in vendita per il consumo immediato, i dolci possono essere venduti sfusi. Le torte sfuse devono essere trasportate in contenitori idonei a mantenerne la qualità e l'igiene e devono essere rispettati i requisiti di etichettatura della normativa vigente. Non devono essere riconfezionati, dopo essere stati trasportati sono destinati esclusivamente alla vendita diretta.'

Il «Valašský frgál» può essere commercializzato anche congelato. Il processo di congelamento non altera le proprietà del prodotto. Si mette in congelatore già imballato. Il prodotto congelato può essere conservato a una temperatura di -18 °C o inferiore per nove mesi. Si consiglia di consumarlo entro 24 ore dallo scongelamento. Le informazioni necessarie sulla durata e sulla conservazione sono riportate sulla confezione.

3.3.   Mangimi (solo per prodotti di origine animale) e materie prime (solo per prodotti trasformati)

Per l'impasto vengono utilizzate le seguenti materie prime: farina di frumento, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale (fruttosio), grassi vegetali o olio vegetale o strutto o burro, tuorli d'uovo pastorizzati o freschi oppure uova intere pastorizzate o fresche, latte in polvere o latte fresco o acqua potabile, lievito di birra e sale; oggigiorno è consentito aggiungere all'impasto un ammendante per mantenere fresco il prodotto. Si possono aggiungere succhi di frutta (limone, mela, pera).

L'ingrediente principale è la farina; le proporzioni in peso degli altri ingredienti devono essere le seguenti: grasso (grasso o olio vegetale o strutto o burro) – almeno il 20 % del peso totale della farina, zucchero o dolcificante naturale (fruttosio) – almeno il 10 % di il peso totale della farina (se si utilizza un dolcificante naturale, la quantità utilizzata dipende dalla sua dolcezza), tuorli o uova intere – almeno il 5% del peso totale della farina. La quantità di succo di frutta, lievito, sale e altre materie prime che conferiscono sapore dipende dalla ricetta utilizzata dai singoli produttori.

La farcitura deve rappresentare circa il 42-48 % del peso totale di un «Valašský frgál» prima della cottura.

Le seguenti materie prime vengono utilizzate per realizzare il topping:

Topping pere: curd di pere essiccate, plum curd o confettura di frutta, mele essiccate, pan di zenzero grattugiato, aroma a base di etil ossiidrato (di seguito 'aroma'), anice stellato macinato, zucchero vanigliato, acqua da bere.

Topping alla ricotta: formaggio a pasta molle, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, tuorli d'uovo pastorizzati o freschi o uova intere pastorizzate o fresche, acqua potabile, uvetta, zucchero vanigliato o crema pasticcera alla vaniglia, succo di frutta (facoltativo), olio vegetale, aroma, macinato macis, stabilizzante di ricotta, frutti di bosco.

Topping ai semi di papavero: papavero macinato, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, latte in polvere o latte fresco, acqua da bere, grasso vegetale, farina di grano tenero fine, zucchero vanigliato, uvetta, pangrattato, cannella in polvere, aromi.

Topping Povidla (confettura di frutta): povidla di prugne, zucchero vanigliato o dolcificante naturale, acqua da bere, aroma.

Topping alle mele: mela grattugiata o stufata, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, zucchero vanigliato, cannella in polvere, noci tritate, uvetta, acqua potabile.

Topping di noci: arachidi (noci, nocciole o un composto), zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, farina di grano tenero fine, latte, burro o grasso vegetale o olio vegetale, pangrattato, marmellata di albicocche, acqua potabile, uvetta, zucchero vanigliato, aromi .

Topping di carote: carote fresche, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, zucchero vanigliato, burro, grasso vegetale, olio vegetale, farina di grano tenero fine, acqua potabile, cannella in polvere, sale; si possono aggiungere semi di papavero.

Topping ai mirtilli: mirtilli freschi, in umido o surgelati, marmellata di mirtilli. Lo stesso vale per le guarnizioni di fragole, mirtilli e frutti di bosco.

Topping di albicocche: albicocche fresche, in umido o surgelate, confettura di albicocche.

Topping di prugne: prugne fresche, cotte o surgelate, povidla di prugne, semi di papavero macinati, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale.

Topping al cavolo cappuccio: cavolo cappuccio fresco tritato o crauti ben sciacquati, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, burro o grasso vegetale o olio vegetale, farina di grano tenero fine, acqua potabile, pepe nero macinato, sale.

Topping di cavolo rapa: cavolo rapa fresco, zucchero di barbabietola o dolcificante naturale, burro o grasso vegetale o olio vegetale, farina di frumento finemente macinata, succo di limone o succo di mela, acqua potabile, pepe nero macinato, prezzemolo fresco o secco, sale.

3.4.   Fasi specifiche della produzione che devono avvenire nella zona geografica individuata

Tutte le fasi, dalla realizzazione dell'impasto (a causa del metodo utilizzato, poiché l'impasto contiene lievito, non possono esserci ritardi tra le singole fasi di produzione) alla stesura della copertura e alla cottura della torta e la sua successiva affettatura e confezionamento, devono avvenire nella zona geografica delimitata nell'interesse del mantenimento della qualità e dell'igiene. La produzione del topping stesso non deve avvenire nell'area delimitata.

3.5.   Norme specifiche in materia di affettatura, grattugiatura, confezionamento, ecc. del prodotto a cui si riferisce la denominazione registrata

L'affettatura e il confezionamento presso la sede del produttore sono necessari per la natura del prodotto, destinato ad un consumo rapido, e per mantenerne la qualità. Se il prodotto finito dovesse essere trasportato sfuso, la sua qualità ne risentirebbe a causa di rotture o piegamenti, o per violazione delle norme igieniche. Inoltre, è necessario apporre sulla confezione del prodotto un'etichetta che riporti l'indicazione del produttore, la composizione del prodotto e tutti gli altri dettagli obbligatori che ne garantiscano la provenienza nella zona delimitata e che servano come base per eventuali controlli che potrebbero essere effettuato. Le torte possono essere vendute sfuse per il consumo immediato.

3.6.   Norme specifiche in materia di etichettatura del prodotto a cui si riferisce la denominazione registrata

I produttori di «Valašský frgál» devono indicare chiaramente il nome «Valašský frgál» sulla confezione del prodotto. Il logo dell'Indicazione Geografica Protetta sarà inoltre apposto sulla confezione ai fini dell'informazione al consumatore, del controllo da parte dell'organismo di controllo e della tracciabilità del prodotto. Se il prodotto viene venduto sfuso, nel punto vendita deve essere chiaramente indicato che il «Valašský frgál» è ivi in ​​vendita e deve soddisfare i requisiti di etichettatura della legislazione in vigore.

4.    Definizione sintetica dell'area geografica

Valašsko, che è una regione geografica nel sud-est della Repubblica Ceca. Comprende i seguenti comuni (da est a ovest): Velké Karlovice, Horní Bečva, Čeladná, Kunčice pod Ondřejníkem, Kozlovice, Měrkovice, Tichá, Vlčovice, Kopřivnice, Štramberk, Lichnov, Veřovice, Mořkov, Hodslavice, Straník, Kojetín, Loučka, Bernartice, Hůrka, Starojická Lhota, Vysoká, Hustopeče, Milotice, Špičky, Skalička, Horní Tešice, Rouské, Všechovice, Provodovice, Komárno, Podhradní Lhota, Rajnochovice, Držková, Rusava, Lukoveček, Fryšták, Mladcová, Zlín-Prštné, Zlínslav-Jané, Zlínslav , Březnice, Želechovice, Lípa, Zádveřice, Vizovice, Slopné, Haluzice, Vlachovice, Vrbětice, Popov, Jestřábí, Štítná nad Vláří, Bylnice, Brumov, Nedašov, Nedašova Lhota, Študlov, Střelná, Francova Lhota, Hota e Valašvízík Nový Hrozenkov.

5.    Legame con l'area geografica

Questa applicazione si basa sia sulla specificità del prodotto che sulla sua reputazione in tutto il Valašsko e oltre. Le prime notizie scritte di grandi torte chiamate vdolek o frgál si trovano in una cronaca del 1826 intitolata 'Bromatologia moravo-rustica' di JHA Gallaš. Contiene dettagli di dolci a base di farina di grano o di segale e conditi con formaggio cagliato, povidla o una crema spalmabile a base di pere essiccate stufate e passate tipiche di questa regione, prodotte solo nella zona delimitata di Valašsko.

Il «Valašský frgál» è preparato secondo le ricette tradizionali della zona delimitata, ritrovate in documenti scritti del 1826. La tradizione popolare di cuocere questo dolce specifico è legata in particolare alle occasioni festive a Valašsko, come matrimoni, battesimi, Natale e Pasqua e la fine della vendemmia. Le famiglie povere lo mangiavano solo a Natale. Le famiglie più ricche la mangiavano anche la domenica. La dimensione della torta (30-32 cm di diametro) è dovuta all'utilizzo di tutta la superficie della buccia, che serviva per infornare il pane. Questi dolci erano realizzati principalmente con materie prime di produzione propria, in particolare frutta secca, ricotta, farina nostrana, burro, strutto, olio di lino, uova e latte.

Il 'Valašský frgál' con topping di pere è il tipo più famoso, il topping è a base di pere essiccate. Tradizionalmente, accanto a ogni edificio di Valašsko c'era un albero di pere. La varietà più comune di pera era conosciuta come 'ovesňanka', che, sebbene piccola, aveva una polpa succulenta e molto dolce. Anche altre varietà di pera, in particolare quelle che maturano nei mesi autunnali, erano adatte all'essiccazione. Dovevano sempre essere lasciate fino all'inizio delle prime gelate del terreno per maturare correttamente. Le pere sono state poi essiccate lentamente intere in una camera di essiccazione riscaldata mediante combustione di legna, preferibilmente di alberi da frutto. Era molto importante che si asciugassero bene e poi venissero conservate in sacchi di stoffa appesi nelle soffitte.

Il «Valašský frgál» si differenzia dagli altri dolci in particolare per le seguenti caratteristiche:

Il metodo di preparazione dell'impasto e la sua composizione: gli ingredienti più liquidi vengono prima sbattiti insieme fino a formare una pasta liscia. I grassi, che sono stati ammorbiditi, vengono quindi aggiunti e il tutto viene nuovamente sbattuto insieme per ottenere una pasta liscia. Solo a questo punto si aggiunge il lievito, dopodiché si aggiunge gradualmente la farina fino a formare un impasto liscio, che deve essere impastato fino a quando non si formano delle bollicine (contiene molta aria) e non deve attaccarsi.

L'impasto viene arrotolato in una forma rotonda usando un mattarello con una mano, anch'esso originario di Valašsko. La stesura uniforme della pasta dal centro verso i bordi fa sì che, seppur sottile, risulti densa, morbida e di consistenza fine una volta cotta.

Tipico per Valašsko è anche l'uso di un unico tipo di spalmabile - o topping - su un frgál. Questa è una tradizione; come affermano anche le fonti storiche, non c'è mai più di un tipo di condimento su un frgál. Il topping più tipico utilizzato è la pera secca.

Un'altra caratteristica specifica del «Valašský frgál» è il suo alto contenuto di copertura, che rappresenta circa il 42-48 % del peso della torta prima della cottura.

Nel 19° secolo, la fama di questi dolci si diffuse fino a Praga, la capitale. Quando alla fine del XIX secolo si tenne la mostra nazionale a Holešovice a Praga, furono portati da Valašsko insieme a molti altri prodotti e furono molto ammirati. 'Valašský frgál' ha mantenuto la sua reputazione fino ai giorni nostri (molte informazioni si possono trovare su Internet, nella stampa regionale e nazionale e nelle guide turistiche) e ha vinto numerosi premi in mostre e fiere (Zlatá Salima 2006 e 2008, Perla Zlínska 2006, 2007 e 2008, Trendy 2006, HIT 2006 Moderní obchod, Značka kvality KLASA nel 2007).

Riferimento alla pubblicazione del disciplinare di prodotto

https://isdv.upv.cz/doc/vestnik/2021/vestnik_UPV_202108.pdf#page=187

Věstník n. 8, 24.2.2021, pag. 187 e segg.


1 )   GU L 343 del 14.12.2012, pag. 1 .

 

Ricerca rapida : Cerca con le categorie Igp o con i tag Valašský frgál, categoria 2-3, dolci, igp, igp-categoria 2-3, repubblica ceca, repubblica ceca 2-3, repubblica ceca igp, repubblica ceca igp 23, torta

 

Ultimi articoli

  • Vicenza Dop - Italia
  • Pernil Cerretà Igp - Spagna
  • Valašský frgál Igp
  • Sebadas / Seadas / Sabadas / Seattas /Savadas / Sevadas di Sardegna Igp - Italia
  • Μακαρόνια της Σμίλας/ Makaronia tis Smilas/ Μακαρόνια του Σκλινιτζιού/ Makaronia tou Sklinitziou Igp