Sebadas / Seadas / Sabadas / Seattas /Savadas / Sevadas di Sardegna Igp - Italia

Pubblicato da Eurodop Nessun commento

Domo Rosada Sardinia Affitti brevi

 

 

Le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas/ Sevadas di Sardegna sono un prodotto a base di  pasta fresca con forma circolare e racchiudente un ripieno costituito dagli ingredienti formaggio pecorino e/o formaggio caprino e/o formaggio vaccino o cagliata vaccina; scorza di limone e/o  d'arancia grattugiata quanto basta; e' possibile l'aggiunta di zucchero quanto basta.

Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI
COMUNICATO 

Richiesta di riconoscimento della indicazione geografica protetta «Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna».
(21A06339)

(GU n.259 del 29-10-2021)

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha ricevuto, nel quadro della procedura prevista dal regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento e del Consiglio del 21 novembre  2012, l'istanza intesa ad ottenere il riconoscimento come Indicazione geografica protetta delle «Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna».
Considerato che la richiesta di riconoscimento e' stata presentata dal Comitato promotore Sebadas di Sardegna Igp Z.I. Baccasara, 08048 Tortoli', c/o CNA Ogliastra e che il predetto  Gruppo possiede i requisiti previsti all'art. 4 del decreto ministeriale 14 ottobre 2013, n. 12511;
Considerato che a seguito dell'istruttoria ministeriale, si e' pervenuti ad una stesura finale del disciplinare di produzione della indicazione geografica protetta «Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna»
Visto il decreto ministeriale n. 6291 dell'8 giugno 2020 con il quale sono stati modificati temporaneamente gli articoli 8, 9, comma 1, 13, comma 3, 23, 24, comma 1 e 27, comma 2 del  decreto ministeriale 14 ottobre 2013, n. 12511, a causa dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 che ha comportato l'adozione di misure di contrasto e contenimento alla diffusione del  virus;
Considerata in particolare la sospensione disposta ai sensi del dm sopra citato, dell'applicazione dell'art. 8 del decreto ministeriale 14 ottobre 2013, circa la riunione di pubblico accertamento da svolgersi nell'area di produzione, e dell'art. 9, relativamente alla tempistica per presentare opposizione alla domanda di registrazione o di modifica del disciplinare;
Considerato che il decreto ministeriale n. 6291 dell'8 giugno 2020 prevede, altresi', che in caso di valutazione positiva della domanda di registrazione, il Ministero trasmetta alla/e regione/i interessata/e ed al soggetto richiedente, il disciplinare di produzione nella stesura finale e provveda alla pubblicazione dello stesso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, affinche' ogni persona fisica o giuridica avente un interesse legittimo e residente sul territorio nazionale possa fare opposizione alla domanda di registrazione;
Le eventuali osservazioni, adeguatamente motivate, relative al presente disciplinare, dovranno essere presentate, al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - Dipartimento  delle politiche competitive della qualita' agroalimentare della pesca e dell'ippica - Direzione generale per la promozione della qualita' agroalimentare e dell'ippica - PQAI IV, via XX  Settembre n. 20 - 00187 Roma - pec saq4@pec.politicheagricole.gov.it entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del presente  disciplinare, dai soggetti interessati e costituiranno oggetto di opportuna valutazione da parte del predetto Ministero, prima della trasmissione della suddetta richiesta di riconoscimento alla  Commissione europea;
Decorso tale termine, in assenza delle suddette osservazioni o dopo la loro valutazione ove pervenute, la predetta richiesta sara' notificata, per la registrazione ai sensi dell'art. 49 del regolamento (UE) n. 1151/2012, ai competenti organi comunitari.

Allegato

Disciplinare di produzione della Indicazione geografica protetta «Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna»

Art. 1.
Denominazione

L'indicazione geografica protetta (IGP) Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna e' riservata alla pasta fresca ripiena prodotta nel territorio di cui all'art. 3, che  risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Caratteristiche del prodotto

Le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna sono un prodotto a base di pasta fresca con forma circolare e racchiudente un ripieno costituito dagli ingredienti di  cui all'art. 5 lettera b).
All'atto dell'immissione al consumo, le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna presentano le seguenti caratteristiche fisiche, chimiche ed organolettiche:
caratteristiche fisiche:
forma: il prodotto finito assume una forma ovale o tonda a doppia sfoglia circolare a contorno ondulato (anche in forma decorativa) o liscio; con spessore da 0,5 mm a 3 mm per singola sfoglia; diametro da 40 mm a 140 mm;
peso della singola Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas  /Sevadas di Sardegna: varia da un minimo di g 30 ad un massimo di g 150;
rapporto in peso sfoglia/ripieno:
la sfoglia varia dal 40% al 60% in percentuale di peso della sfoglia sul prodotto finale;
il ripieno varia dal 40% al 60% in percentuale di peso del ripieno sul prodotto finale;
caratteristiche chimiche del prodotto:
proteine totali: comprese tra 8,0 e 18,0% su 100 g di prodotto;
grassi: compresi tra 5,0 e 22,0% su 100 g di prodotto, di cui saturi compresi tra 3,0 e 9,0%;
carboidrati: compresi tra 20,0 e 40,0% su 100 g di prodotto, di cui zuccheri compresi tra 3,0 e 7,0%;
caratteristiche organolettiche:
consistenza del prodotto fresco: morbida, con impasto omogeneo;
colore sfoglia: da bianco avorio a giallo paglierino;
colore ripieno: da bianco a giallo paglierino, con possibili striature gialle o arancio, dovute alla  presenza di scorza di limone o di arancia;
gusto: sapore acidulo e aromatizzato, piu' o meno intenso al palato a seconda della miscela di  formaggi, sentore di agrumi, contrasto dolce salato;
profumo: aromi tipici degli olii essenziali degli agrumi.

Art. 3.
Zona di produzione

L'areale di produzione delle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna  riguarda l'intero territorio amministrativo e fisico della Sardegna, con relativi arcipelaghi.

Art. 4.
Elementi che comprovano l'origine

Ogni fase del processo produttivo viene monitorata documentando per ognuna gli input e gli output. In questo modo e attraverso l'iscrizione in appositi elenchi, gestiti dalla struttura di controllo dei produttori e dei confezionatori, e' garantita la tracciabilita' del prodotto. Tutte le  persone fisiche o giuridiche, iscritte nei relativi elenchi, sono assoggettate al controllo da parte  della struttura di controllo, secondo quanto disposto dal disciplinare di produzione e dal relativo  piano di controllo.

Art. 5.
Metodo di ottenimento

La preparazione delle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna viene
distinta in due fasi: preparazione della sfoglia e preparazione del ripieno:
a. ingredienti sfoglia:
semola di grano duro e/o semola rimacinata di grano duro e/o farina di grano tenero;
strutto: da 0% a 20% nella percentuale di peso della sfoglia;
sale: quanto basta;
acqua: quanto basta.
b. ingredienti ripieno:
formaggio pecorino e/o formaggio caprino e/o formaggio vaccino o cagliata vaccina;
scorza di limone e/o d'arancia grattugiata quanto basta;
e' possibile l'aggiunta di zucchero quanto basta.
Preparazione:
preparazione della sfoglia
gli ingredienti per la sfoglia si uniscono e si fanno amalgamare a mano o con una impastatrice. Appena pronta, la pasta viene passata nella sfogliatrice o assottigliata con un mattarello.
Si effettua poi la trafilazione e si porziona la sfoglia nelle forme circolari;
preparazione del ripieno
il ripieno puo' essere preparato seguendo due procedure:
a crudo: gli ingredienti per l'impasto si amalgamano a freddo insieme alla scorza grattugiata del limone e/o dell'arancia e nel caso allo zucchero, e vengono posizionati in mezzo alla sfoglia;
oppure
a seguito di cottura, con fusione del formaggio o della cagliata assieme alla scorza grattugiata del  limone e/o dell'arancia e nel caso allo zucchero. Gli ingredienti per l'impasto si portano a cottura a fuoco lento. Quando la miscela ha assunto una consistenza densa, si lascia raffreddare  e si realizzano le forme circolari e sottili da utilizzare in mezzo alla sfoglia;
una volta pronto, il ripieno viene posizionato al centro della porzione di sfoglia circolare. Una  porzione di sfoglia viene quindi riposta sul ripieno e i due lembi sigillati in ogni lato, in una  chiusura che assume una forma circolare tonda o ovale, il cui perimetro puo' essere liscio o  ondulato anche in forma decorativa.
Confezionamento:
il prodotto Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna puo' essere immesso al consumo in confezioni conformi alla normativa vigente o sfuso. L'immissione al  consumo del prodotto sfuso deve avvenire in conformita' a quanto previsto all'art. 8; 
il prodotto puo' essere confezionato fresco o confezionato in atmosfera protettiva o in maniera  conforme alla normativa vigente o surgelato, nel rispetto della normativa vigente. Il prodotto  sfuso puo' essere immesso al consumo solo allo stato fresco.
Tutta la fase di trasformazione degli ingredienti in prodotto finito, e la fase del confezionamento  devono avvenire all'interno dell'areale di produzione al fine di preservare la qualita' del prodotto e  la sicurezza del prodotto. Poiche' l'areale di produzione e' un'isola, qualunque trasporto del  prodotto implica tempi di logistica che superano le 48 ore e richiedono diverse manipolazioni, oltre che l'impiego di piu' mezzi di trasporto. Il trasporto della pasta fresca e freschissima  richiede accorgimenti specifici e un continuo presidio del processo. I tempi di consegna del  prodotto sfuso o preconfezionato si possono dilatare notevolmente a seconda dei problemi di  logistica e delle condizioni metereologiche, pertanto non sono mai certi e nella migliore delle  ipotesi anche laddove la sicurezza del prodotto non fosse messa a repentaglio, potrebbe essere 
la qualita' a risentirne. Il rischio e' che le qualita' sensoriali delle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna sfuse vengano compromesse o pregiudicate dai vari  passaggi necessari ad un trasporto a migliaia di chilometri di distanza che prevede anche  l'impiego di piu' mezzi, l'attraversamento del mare e l'intervento di molti soggetti.

Art. 6.
Legame con l'ambiente

La domanda di riconoscimento delle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di  Sardegna IGP e' giustificata dalla reputazione e dalla notorieta' del prodotto.
Le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna nascono in Sardegna  come espressione della cultura agropastorale locale e la relativa produzione non si e' mai diffusa  oltre i confini regionali. L'isolamento della Sardegna ha infatti permesso di dare i natali a  specialita', anche pastarie, senza uguali e fortemente caratteristiche, preservandole da  contaminazioni esterne. In un'offerta fortemente caratterizzata, le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna emergono, come un formato di pasta ripiena unico, tra i  piu' caratteristici e geograficamente individuabili. Non sono note nel panorama nazionale ed  estero produzioni uguali, ne' si riscontrano tipologie similari per forma, dimensione e ripieno  tanto piu' che pur trattandosi di un prodotto pastario a tutti gli effetti, viene infatti servito e consumato come dolce e anche in questo, risiede l'unicita' del prodotto.
Storia vuole che venissero servite al pastore al rientro dalla transumanza, come piatto di  bentornato e di gratitudine per il lavoro fatto. Pur essendo una specialita' che si considera  originaria del Centro Sardegna, la territorialita' della produzione si e' declinata nel tempo con le  varianti nel formaggio utilizzato per il ripieno, che sono diverse - ovino, vaccino o caprino - in  ragione della vocazione locale.
Le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna costituiscono il trait  d'union tra le due filiere tradizionali e fondamentali del comparto agro alimentare sardo: quella  cerealicola e quella lattiero - casearia, a cui si aggiunge l'impiego dello strutto, a testimoniare la  relazione indissolubile anche con l'allevamento suino. Altro elemento fortemente radicato  nell'economia e nella cultura isolana.
Dal punto di vista organolettico si distinguono dagli altri prodotti appartenenti alla stessa  categoria merceologica, per il sapore caratterizzato dalla contrapposizione tra la consistenza friabile della sfoglia (resa tale dalla presenza dello strutto) e quella pastosa e acida del formaggio  a pasta fresca filante del ripieno. Nella tradizione culinaria le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna, una volta fritte, vengono cosparse di miele o  zucchero e poi servite calde.
La territorialita' e' tuttora evidente nella produzione: nessun pastificio extraregionale, infatti le  realizza fuori dall'Isola. Ma anche il consumo e' prevalentemente confinato al perimetro  regionale, sebbene una certa richiesta da parte del mercato oltre Tirreno, sia sempre piu'  incalzante, anche grazie ai flussi turistici locali, che hanno contribuito in questi anni, a rendere  noto il prodotto e a portare chi lo conosce nell'Isola, a ricercarlo una volta rientrato alla propria  dimora.
Il legame con il territorio risiede su aspetti intrinseci quali l'utilizzo di materie prime presenti in  Sardegna in grandi quantita', espressione, soprattutto nel passato della vocazione agropastorale isolana, che in questo prodotto si esprime con l'impiego di semole, formaggi e strutto: tutti  ingredienti indiscutibilmente riconducibili all'economia agropastorale locale.
La reputazione del prodotto e' altresi' fondamentale nel suo richiamo alla Sardegna. L'isolamento  ha infatti permesso di evitare contaminazioni e soprattutto che la produzione si diffondesse in altri territori oltremare.
Le Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna godono di un'immagine  che le lega in maniera indissolubile ed esclusiva, alla Sardegna. Esse contengono determinate  caratteristiche in quanto provenienti dall'isola e vedono l'impiego di quanto l'Isola offre sul piano  economico e agricolo, ma sono anche espressione dei fattori umani, oltre che naturali, ad essa  connessi.
Questo piatto, unico nel suo genere suscita nei consumatori un'immagine immediatamente  attribuibile alla Sardegna e solo a questa regione. E' pacifico che la reputazione delle Sebadas/  Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna non sia dovuta tanto o solo a fattori  naturali e al microclima, quanto a fattori umani, culturali, socioeconomici e ad un metodo di ottenimento che si perpetua nel tempo, prima a livello unicamente artigianale e per  l'autoconsumo, ora anche industriale, con mutamenti pressoche' irrilevanti in quanto a processi  produttivi.
La prassi produttiva delle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna si  e' diffusa in Sardegna - e solo in Sardegna - nei decenni, forse nei secoli, di generazione in  generazione e lo sforzo della popolazione isolana e' stato nella direzione della valorizzazione del  prodotto.
Questi indiscutibili elementi consentono di stabilire l'esistenza di un legame stretto con il  territorio che ha generato la reputazione delle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna nel loro legame con l'Isola a causa, prima di tutto, della sussistenza dei  fattori umani. Il turismo ha contribuito notevolmente a far conoscere il prodotto, poiche' questo  piatto non manca mai nei menu tipici proposti ai visitatori dell'Isola. Menu che presentano il prodotto come specialita' locale, realizzata unicamente in Sardegna e in quanto tale, prelibatezza  che il turista non puo' non degustare.
Gli eventi socio-culturali organizzati dalla popolazione, non ultime le sagre paesane, hanno  contribuito a far associare ancor di piu' l'immagine delle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna all'Isola.
Numerosi sono i riferimenti alla denominazione Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas /  Sevadas di Sardegna su guide, ricettari e pubblicazioni che testimoniano la reputazione del nome  e la sua tradizionale produzione nell'area geografica. Si citano:


Parte di provvedimento in formato grafico

Art. 7.
Controllo

La verifica del rispetto del disciplinare e' svolta, conformemente a quanto stabilito dall' art. 37 del  reg. (UE) n. 1151/2012. L'organismo di controllo preposto alla verifica del disciplinare di  produzione e' Agroqualita' S.p.a - viale Cesare Pavese n. 305 - 00144 Roma - www.agroqualita.it

Art. 8.
Etichettatura

Sulle confezioni deve essere riportata, a caratteri di stampa chiari e leggibili, oltre alle  informazioni corrispondenti ai requisiti di legge, le seguenti ulteriori indicazioni:
la denominazione «Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna»,  seguita dalla menzione IGP in grassetto nero ed il simbolo dell'Unione; 
la dicitura facoltativa «prodotto secondo l'antica ricetta della fusione del ripieno», nel caso di  utilizzo della procedura della cottura del ripieno a caldo;
il nome, la ragione sociale, l'indirizzo dell'azienda produttrice. E' consentito l'uso di ragioni sociali  e marchi privati, purche' non abbiano significato laudativo e tale da trarre in confusione il  consumatore.
Il prodotto puo' essere immesso al consumo in confezioni conformi alla normativa vigente o  anche sfuso, a condizione che lo stesso sia collocato in specifici scomparti o recipienti recanti  un'etichetta, posta bene in vista, che riporti le stesse informazioni previste per le confezioni.
Il riferimento alle Sebadas/ Seadas/ Sabadas/ Seattas/ Savadas / Sevadas di Sardegna potra' altresi' essere utilizzato per il prodotto realizzato e somministrato presso strutture di ristorazione,  anche collettiva, ricadenti nella zona geografica delimitata.

 

Ricerca rapida : Cerca con le categorie Domanda presentata o con i tag seadas di sardegna igp, sebadas, sardegna, dolci

 

Ultimi articoli

  • Vicenza Dop - Italia
  • Pernil Cerretà Igp - Spagna
  • Valašský frgál Igp
  • Sebadas / Seadas / Sabadas / Seattas /Savadas / Sevadas di Sardegna Igp - Italia
  • Μακαρόνια της Σμίλας/ Makaronia tis Smilas/ Μακαρόνια του Σκλινιτζιού/ Makaronia tou Sklinitziou Igp