Iaşi Dop - Romania

Pubblicato da Eurodop Nessun commento

 

Iaşi Dop Romania

I vini bianchi sono giallo paglierino o giallo intenso, giallo con riflessi verdognoli, giallo brillante o giallo limone, e i vini rosati hanno note che vanno dal rosa al colore della buccia di cipolla. Hanno aromi intensi di agrumi verdi e fiori di sambuco, petali di rosa, fiori di basilico, pompelmo, sottili aromi di fiori di campo, e quando sono leggermente invecchiati, anche note di fieno appena tagliato e miele.
I vini rossi sono rosso-marrone, rosso porpora intenso, rosso intenso fino al rosso vivo o rosso rubino, con un profumo specifico di ciliegie nere amare e amarene, con vere note floreali di prugne secche non affumicate, aroma di frutti di bosco rossi maturi (ribes rossi, mirtilli rossi, more, mirtilli), con un delicato sapore di vaniglia quando invecchiano e un bouquet floreale che ricorda la frutta fresca e l’uva all’invaiatura.

DOMANDA DI MODIFICA DEL DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

«Iaşi»

PDO-RO-A0139-AM01

Data di presentazione della domanda: 12.12.2014

1.   Norme applicabili alla modifica

Articolo 105 del regolamento (UE) n. 1308/2013 – modifica non minore

2.   Descrizione e motivi della modifica

2.1.   Estensione della zona delimitata della denominazione d’origine, che amplia la zona di produzione

Descrizione e motivazioni

Nella contea di Iași esistono zone delimitate coltivate a vite situate nei comuni di Probota, Țigănași, Andrieșeni, Bivolari, Trifești e Roșcani, a breve distanza, ossia 10 o 40 km a est, sud-est e nord-est, del comune di Iași, che fa parte della zona delimitata della DOP Iași. Queste località presentano condizioni agronomiche e climatiche identiche a quelle della zona di Iași, dove si producono i vini di qualità Iași DOP.

Per questo motivo devono essere incluse nella zona della DOP Iași affinché i loro vigneti possano produrre vino con le caratteristiche tipiche e autentiche delle parcelle della zona di produzione della DOP Iași.

L’area delimitata completa e precisa sarà:

Sottodenominazione Copou:

Città di Iași, distretto di Copou;

Comune di Aroneanu, villaggi di Aroneanu, Șorogari, Aldei e Dorobanț;

Comune di Rediu, villaggi di Rediu, Breazu, Tăutești e Horlești;

Comune di Movileni, villaggi di Movileni, Potângeni e Iepureni.

Sottodenominazione Bucium:

Città di Iași, distretto di Bucium;

Comune di Tomești, villaggi di Tomești, Goruni, Chicerea e Vlădiceni;

Comune di Bârnova, villaggi di Pietrăria, Cercu, Vișan e Pǎun;

Comune di Ciurea, villaggi di Ciurea e Hlincea.

Sottodenominazione Uricani:

Comune di Miroslava, villaggi di Uricani, Miroslava, Vorovești, Balciu, Brătuleni e Cornești;

Comune di Horlești, villaggi di Horlești e Bogdănești;

Comune di Valea Lupului, villaggio di Valea Lupului;

Comune di Leţcani, villaggio di Leţcani;

Comune di Dumești, villaggio di Dumești;

Città di Podu Iloaiei.

Sottodenominazione Probota:

Comune di Probota: villaggi di Probota e Perieni;

Comune di Ţigănaşi: villaggi di Țigănași, Cârniceni, Stejării e Mihail Kogălniceanu;

Comune di Bivolari: villaggi di Bivolari, Soloneț, Traian, Buruienești e Tabăra;

Comune di Andrieşeni: villaggi di Andrieșeni, Glăvănești, Fântânele e Spineni;

Comune di Trifeşti: villaggi di Trifești;

Comune di Roşcani: villaggi di Roșcani e Rădeni.

La modifica interessa il capo III del disciplinare di produzione e la sezione 1.6 del documento unico.

2.2.   Introduzione di nuove varietà di uve da vino per la coltivazione come varietà principali autorizzate

Descrizione e motivazioni

Le varietà vinicole Riesling de Rhin, Golia, Tămâioasă românească, Șarba, Busuioacă de Bohotin e Arcaș sono state aggiunte all’elenco delle varietà principali autorizzate. La loro inclusione mantiene la qualità e le caratteristiche specifiche dei vini ottenuti nella DOP Iași.

Alcune caratteristiche climatiche della zona di Iași, come l’invaiatura che inizia ad agosto e la maturazione lenta delle uve fino alla fine di settembre, quando subiscono una leggera surmaturazione, parallelamente allo sviluppo della muffa nobile, sono favorevoli alle varietà Riesling de Rhin, Tămâioasă românească e Șarba, che accumulano un contenuto di zuccheri (a fine settembre) pari a 195-210 g/l e che con la surmaturazione possono raggiungere anche i 230 g/l. Questi particolari specifici della zona fanno sì che i vini giovani in particolare presentino spesso aromi freschi di mela verde, pompelmo, pesca e la vivacità di un’acidità piuttosto elevata. Il posizionamento dei pendii verso sud, con un’esposizione al sole lenta e una fertilità media, consente la piena maturazione delle varietà aromatiche, in particolare la varietà Busuioacă de Bohotin, che può accumulare 185-200 g/l di zuccheri, senza un’eccessiva surmaturazione e con una maggiore adattabilità alle condizioni della zona.

Sono modificati la sezione 1.7 del documento unico e il capo IV del disciplinare di produzione.

2.3.   Indicazione delle rese della vite e del vino delle nuove varietà di uve da vino introdotte per la coltivazione

Descrizione e motivazioni

Data l’introduzione di nuove varietà di uve da vino per la coltivazione, nel disciplinare di produzione sono state elencate anche le rese massime di vino/vite delle varietà richieste per i vini DOP Iași.

Sono modificati la sezione 1.5.2 del documento unico e il capo V del disciplinare di produzione.

2.4.   Indicazione di dettagli sui fattori umani

Descrizione e motivazioni

Al fine di garantire il rispetto della normativa in vigore nel caso di una DOP, si devono aggiungere informazioni sui fattori umani che influenzano le caratteristiche particolari dei vini Iași DOP.

Nella tecnologia della viticoltura si effettuano operazioni/lavori verdi (sistemi di potatura a guyot singolo/guyot doppio/cordone singolo, selezione di una forma di allevamento della vite semi alto ed eliminazione dei tralci dal tronco). Le operazioni e i lavori verdi vengono effettuati per raggiungere un equilibrio tra la massa fogliare e il carico di frutti, così da consentire un elevato accumulo di zucchero e il mantenimento di alti livelli di acidità (la minore superficie fogliare riduce la combustione degli acidi in presenza di calore e luce).

Il momento ottimale per la raccolta è determinato in base alla varietà e alla maturazione degli acini d’uva, con l’obiettivo di raggiungere un equilibrio tra acidità, zuccheri e aromi.

I mosti vengono chiarificati per flottazione, che permette di chiarificare e stabilizzare continuamente grandi quantità di mosto, visto che la riduzione del contenuto di solidi e composti fenolici è uno degli obiettivi principali per ottenere la qualità finale del mosto. Al mosto fresco vengono aggiunti lieviti selezionati prima dell’inizio della fermentazione alcolica e vengono applicati attivatori di fermentazione che attivano e regolano la fermentazione alcolica e la rifermentazione.

Mediante l’impiego di enzimi durante la sgrondatura-pigiatura, è possibile estrarre rapidamente le sostanze pigmentate e i tannini nel caso dei vini rossi e migliorare l’estrazione degli aromi nel caso delle uve aromatiche.

Gli enzimi aggiunti alla miscela vinaccia-mosto di Fetească neagră o Cabernet Sauvignon scompongono la pectina e i composti di cellulosa delle pareti cellulari, migliorando così l’estrazione delle sostanze pigmentate.

Gli enzimi aggiunti alla miscela vinaccia-mosto delle varietà di uve Muscat Ottonel, Busuioacă de Bohotin e Traminer roz scompongono la pectina e i composti di cellulosa delle pareti cellulari, migliorando così l’estrazione delle sostanze aromatiche. Alcuni enzimi sono anche utilizzati per liberare sostanze aromatiche nel caso di vini ottenuti da uve surmature o che presentano muffe.

Sono modificati la sezione 1.8 del documento unico e il capo II del disciplinare di produzione.

DOCUMENTO UNICO

1.   NOME DEL PRODOTTO

Iaşi

2.   TIPO DI INDICAZIONE GEOGRAFICA

DOP – Denominazione di origine protetta

3.   CATEGORIE DI PRODOTTI VITIVINICOLI

1.

Vino

4.   DESCRIZIONE DEL VINO (DEI VINI)

Caratteristiche analitiche e organolettiche – vini bianchi/rosati

I vini bianchi sono giallo paglierino o giallo intenso, giallo con riflessi verdognoli, giallo brillante o giallo limone, e i vini rosati hanno note che vanno dal rosa al colore della buccia di cipolla. Hanno aromi intensi di agrumi verdi e fiori di sambuco, petali di rosa, fiori di basilico, pompelmo, sottili aromi di fiori di campo, e quando sono leggermente invecchiati, anche note di fieno appena tagliato e miele.

In termini di gusto, i vini bianchi sono untuosi, con l’invecchiamento il gusto diventa leggermente etereo, con aromi di mela verde, pompelmo, pesca, miele, erba appena tagliata, con grande freschezza se giovani, con un carattere floreale e talvolta una moderata acidità, fruttato, con un piacevole retrogusto minerale, note agrumate ed erbacee che gli conferiscono vivacità.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

15.00

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

11

Acidità totale minima

4,5 grammi per litro, espressa in acido tartarico

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

25

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

250

Caratteristiche analitiche e organolettiche – vini rossi

I vini rossi sono rosso-marrone, rosso porpora intenso, rosso intenso fino al rosso vivo o rosso rubino, con un profumo specifico di ciliegie nere amare e amarene, con vere note floreali di prugne secche non affumicate, aroma di frutti di bosco rossi maturi (ribes rossi, mirtilli rossi, more, mirtilli), con un delicato sapore di vaniglia quando invecchiano e un bouquet floreale che ricorda la frutta fresca e l’uva all’invaiatura.

Il gusto è vellutato, senza eccessiva astringenza, equilibrato, consistente, lungo, erbaceo, con tannini astringenti che si equilibrano nel tempo.

Caratteristiche analitiche generali

Titolo alcolometrico totale massimo (in % vol)

15.00

Titolo alcolometrico effettivo minimo (in % vol)

11

Acidità totale minima

4,5 grammi per litro, espressa in acido tartarico

Acidità volatile massima (in milliequivalenti per litro)

25

Tenore massimo di anidride solforosa totale (in milligrammi per litro)

200

5.   PRATICHE DI VINIFICAZIONE

a.   Pratiche enologiche essenziali

Pratiche enologiche

Pratica colturale

Vendemmia verde - riduzione del numero di grappoli all’invaiatura quando la resa potenziale supera i limiti massimi consentiti dal disciplinare.

L’irrigazione è consentita, applicando standard ragionevoli (400-600m3/ha), soltanto negli anni di siccità, previa notifica all’Ufficio nazionale della vite e dei prodotti vitivinicoli (Oficiul Național al Viei și Produselor Vitivinicole, ONVPV), quando il contenuto di acqua nel suolo a una profondità di 100 cm scende fino al 50 % dell’intervallo di umidità attiva.

b.   Rese massime

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Muscat Ottonel, Sauvignon, Pinot gris, Chardonnay, Traminer roz, Golia

9 000 chilogrammi di uve per ettaro

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Cabernet Sauvignon, Pinot noir, Fetească neagră

9 000 chilogrammi di uve per ettaro

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Tămâioasă românească, Busuioacă de Bohotin, Arcaş

10 000 chilogrammi di uve per ettaro

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Merlot, Riesling italian, Fetească albă

11 000 chilogrammi di uve per ettaro

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Riesling de Rhin, Şarba

12 000 chilogrammi di uve per ettaro

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Muscat Ottonel, Sauvignon, Pinot gris, Chardonnay, Traminer roz

60 hl/ha

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Fetească regală, Aligoté, Băbească neagră

13 000 chilogrammi di uve per ettaro

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Golia, Cabernet Sauvignon, Pinot noir, Fetească neagră

60 hl/ha

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Tămâioasă românească, Busuioacă de Bohotin

68 hl/ha

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Merlot, Arcaș, Riesling italian, Fetească albă

72 hl/ha

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Riesling de Rhin, Şarba

82 hl/ha

raccogliendo le uve al massimo della maturazione, varietà Fetească regală, Aligoté, Băbească neagră

85 hl/ha

6.   ZONA GEOGRAFICA DELIMITATA

Contea di Iași:

Sottodenominazione COPOU

Città di Iași, distretto di Copou;

Comune di Aroneanu, villaggi di Aroneanu, Șorogari, Aldei e Dorobanț;

Comune di Rediu, villaggi di Rediu, Breazu, Tăutești e Horlești;

Comune di Movileni, villaggi di Movileni, Potângeni e Iepureni.

Sottodenominazione BUCIUM

Città di Iași, distretto di Bucium;

Comune di Tomești, villaggi di Tomești, Goruni, Chicerea e Vlădiceni;

Comune di Bârnova, villaggi di Pietrăria, Cercu, Vișan e Pǎun;

Comune di Ciurea, villaggi di Ciurea e Hlincea.

Sottodenominazione URICANI

Comune di Miroslava, villaggi di Uricani, Miroslava, Vorovești, Balciu, Brătuleni e Cornești;

Comune di Horlești, villaggi di Horlești e Bogdănești;

Comune di Valea Lupului, villaggio di Valea Lupului;

Comune di Lețcani, villaggio di Lețcani;

Comune di Dumești, villaggio di Dumești;

Città di Podu Iloaiei.

Sottodenominazione PROBOTA

Comune di Probota, villaggi di Probota e Perieni;

Comune di Ţigănaşi, villaggi di Ţigănaşi, Cârniceni, Stejării e Mihail Kogălniceanu;

Comune di Bivolari, villaggi di Bivolari, Soloneţ, Traian, Buruieneşti e Tabăra;

Comune di Andrieşeni, villaggi di Andrieşeni, Glăvăneşti, Fântânele e Spineni;

Comune di Trifeşti, villaggio di Trifeşti;

Comune di Roşcani, villaggi di Roşcani e Rădeni.

7.   VARIETÀ PRINCIPALE/I DI UVE DA VINO

Aligoté B - Plant de trois, Plant gris, Vert blanc, Troyen blanc

Arcaș N

Busuioacă de Bohotin Rs - Schwarzer Muscat, Muscat fioletovâi, Muscat violet cyperus, Tămâioasă violetă

Băbească neagră N - Grossmuttertraube, Hexentraube, Crăcana, Rară neagră, Căldăruşă, Serecsia

Cabernet Sauvignon N - Petit Vidure, Bourdeos tinto

Chardonnay B - Gentil blanc, Pinot blanc Chardonnay

Fetească albă B - Păsărească albă, Poama fetei, Mädchentraube, Leanyka, Leanka

Fetească neagră N - Schwarze Mädchentraube, Poama fetei neagră, Păsărească neagră, Coada rândunicii

Fetească regală B - Königliche Mädchentraube, Königsast, Kiralyleanka, Dănășană, Galbenă de Ardeal

Golia B

Merlot N - Bigney rouge

Muscat Ottonel B - Muscat Ottonel blanc

Pinot Gris G - Affumé, Grauer Burgunder, Grauburgunder, Grauer Mönch, Pinot cendré, Pinot grigio, Ruländer

Pinot Noir N - Blauer Spätburgunder, Burgund mic, Burgunder roter, Klăvner Morillon Noir

Riesling de Rhin B - Weisser Riesling, White Riesling

Riesling italian B - Olasz Riesling, Olaszriesling, Welschriesling

Sauvignon B - Green sauvignon

Traminer Rose Rs - Rosetraminer, Savagnin Rose, Gewürztraminer

Tămâioasă românească B - Rumanische Weihrauchtraube, Tamianka

Șarba B

8.   DESCRIZIONE DEL LEGAME/DEI LEGAMI

Legame con la zona geografica

Informazioni sulla zona geografica

Il vigneto si trova nella parte nord-est dell’altopiano moldavo, nella zona in cui la pianura collinare moldava incontra l’Altopiano moldavo centrale, delimitato dalla cresta di Iași. Il clima è continentale temperato con forti variazioni dovute alla posizione nel punto di confluenza tra il clima continentale moderato dell’altopiano moldavo e il clima continentale estremo della pianura moldava.

La zona comprende i vigneti situati nelle zone collinari della Moldova (S-E) e sulla dorsale di transizione verso l’altopiano moldavo meridionale (collina Repedea) di fronte al Prut (settore Tomeşti - Bohotin). Nella zona si trovano diversi centri viticoli quali Copou-Şorogari, Galata, Uricani, Bucium, Comarna e Tomeşti, e nel nord/nord-est, a circa 40 km dalla città di Iasi, altri due centri con condizioni favorevoli alla coltivazione della vite, con varietà per vini di qualità come Probota e Plugari.

Nei vigneti, le migliori rese delle viti si ottengono sugli altipiani soleggiati e sui bacini fluviali scavati dagli affluenti, che, nonostante la loro esposizione a nord, sono riparati dalle masse d’aria provenienti da nord o nord-est e dall’effetto Foehn delle masse d’aria meridionali e occidentali che scendono dall’altopiano verso i passaggi del Bahlui e del Prut.

I vigneti si trovano anche nei bacini delle valli scavate nello spazio tra la cresta di Iași e il bordo nord e nord-est dell’altopiano della Moldova centrale, dove grandi vigneti proseguono anche lungo gli interfluvi secondari collinari che delimitano i bacini fluviali.

Dettagli del prodotto

I vini bianchi presentano una gamma di colori variegata dal giallo paglierino al giallo con riflessi verdognoli, aromi intensi di agrumi, pompelmo, talvolta leggermente floreali con sentori di miele se invecchiati. In termini di gusto, sono untuosi, tipicamente freschi quando sono giovani, con un’acidità moderata, note fruttate e talvolta minerali, che conferiscono loro vivacità. Una maturazione moderata preserva la freschezza della varietà.

I vini rossi hanno un profumo specifico di ciliegie nere amare e amarene, prugne non affumicate e un sottile sapore di vaniglia se invecchiati. Presentano note di rosso vivo e prevalentemente rosso rubino, con un sapore vellutato, leggermente astringente, consistente, con tannini astringenti ben equilibrati, corposo, rotondo e, in particolare, aromi specifici di frutti di bosco maturi (ribes, more, mirtilli).

Fattori umani

Nella tecnologia della viticoltura le operazioni/i lavori verdi (sistemi di potatura a guyot singolo/guyot doppio/cordone singolo, selezione di una forma di allevamento della vite semi alto ed eliminazione dei tralci dal tronco) hanno lo scopo di assicurare la qualità dei vini. Le operazioni e i lavori verdi vengono effettuati per raggiungere un equilibrio tra la massa fogliare e il carico di frutti, così da consentire un elevato accumulo di zucchero nei vini e il mantenimento di un alto livello di acidità (la minore superficie fogliare riduce la combustione degli acidi in presenza di calore e luce).

Il momento ottimale per la raccolta è determinato in base alla varietà e alla maturazione degli acini d’uva, con l’obiettivo di raggiungere un equilibrio tra acidità, zuccheri e aromi.

I mosti vengono chiarificati per flottazione, che permette di chiarificare e stabilizzare continuamente grandi quantità di mosto, visto che la riduzione del contenuto di solidi e composti fenolici è uno degli obiettivi principali per ottenere la qualità finale del mosto.

Al mosto fresco vengono aggiunti lieviti selezionati prima dell’inizio della fermentazione alcolica e vengono applicati attivatori di fermentazione che attivano e regolano la fermentazione alcolica e la rifermentazione.

Mediante l’impiego di diversi enzimi, è possibile estrarre rapidamente le sostanze pigmentate e i tannini nel caso dei vini rossi e, nel caso delle uve aromatiche, migliorare l’estrazione degli aromi, che permangono nei vini che vengono prodotti.

Gli enzimi aggiunti alla miscela vinaccia-mosto di Fetească neagră o Cabernet Sauvignon scompongono la pectina e i composti di cellulosa delle pareti cellulari, migliorando così l’estrazione delle sostanze pigmentate.

Gli enzimi aggiunti alla miscela vinaccia-mosto di Muscat Ottonel, Busuioacă de Bohotin e Traminer roz scompongono la pectina e i composti di cellulosa delle pareti cellulari, migliorando così l’estrazione delle sostanze aromatiche. Si ricorre all’uso di enzimi anche per liberare sostanze aromatiche nel caso di vini ottenuti da uve surmature o che presentano muffe.

Legame con la zona geografica - Legame causale

In questi vigneti le migliori rese delle viti si ottengono sugli altipiani soleggiati e sui bacini fluviali scavati dagli affluenti, che, nonostante la loro esposizione a nord, sono riparati dalle masse d’aria provenienti da nord o nord-est e dall’effetto Foehn delle masse d’aria meridionali e occidentali che scendono dall’altopiano verso i passaggi del Bahlui e del Prut.

I vigneti si trovano anche nei bacini delle valli scavate nello spazio tra la cresta di Iași e il bordo nord e nord-est dell’altopiano della Moldova centrale, dove grandi vigneti proseguono anche lungo gli interfluvi secondari collinari che delimitano i bacini fluviali.

Oltre che nelle colline di Bucium, nelle zone di Pietrărie e Tomești le uve coltivate permettono di ottenere vini pregiati come l’Aligote, il Fetească albă e il Muscat Ottonel. I vitigni prevalentemente autoctoni come il Fetească albă, il Fetească regală e il Fetească neagră, e le varietà Aligoté, Muscat Ottonel e Merlot conferiscono una nota particolare ai vini prodotti nella DOP Iași. Da notare la freschezza dei vini di queste varietà, dovuta alla posizione del vigneto a nord del 45° parallelo, dove il calore estivo non è tale da influenzare i sapori principali.

A causa della topografia, estremamente frammentata da torrenti quali il Frasin, il Perieni e il Plopu, lungo i cui pendii si trovano altri singoli vigneti, e della differenza di altitudine tra il livello dei letti del Prut-Jijia e il livello delle cime circostanti (una posizione più meridionale e un’ampia apertura verso i corridoi del Prut-Jijia), i vigneti della Probota centrale presentano un clima più caldo e una luce solare più ricca.

La zona presenta suoli cambici chernozem, suoli grigi, regosol e suoli antropici, tra i quali predominano i suoli cambici chernozem che generalmente conferiscono ai vini un’elevata acidità.

I fattori climatici evidenziano grandi contrasti tra le stagioni, con inverni rigidi e relativamente secchi, estati calde, torride e spesso secche, primavere con temperature e precipitazioni moderate e autunni miti e prevalentemente sereni. Insieme a questi fattori, l’elevato irraggiamento solare totale, che varia a seconda dell’esposizione dei versanti, e l’equilibrio termico complessivo nella stagione vegetativa, nonché le condizioni di maturazione delle uve nei periodi V e VI, favoriscono la produzione di vini di qualità che conservano una tipica freschezza, un’acidità da moderata a elevata, con note floreali e un equilibrio dei tannini.

9.   ULTERIORI CONDIZIONI ESSENZIALI

Condizioni di commercializzazione

Quadro normativo:

Legislazione nazionale

Tipo di condizione ulteriore:

Disposizioni supplementari in materia di etichettatura

Descrizione della condizione:

L’etichettatura deve indicare il tipo di vino in base al suo tenore di zucchero: secco, semi-secco, semi-dolce, dolce.

Se l’etichetta riporta il nome del singolo vigneto o la sottodenominazione d’origine (COPOU, BUCIUM, URICANI, PROBOTA), a seconda dei casi, i vini devono provenire esclusivamente dalla fonte indicata.

A seconda delle preferenze dei produttori, alla denominazione d’origine protetta «Iași» può essere aggiunta una delle seguenti denominazioni monovitigno: ARONEANU, REDIU, ŞOROGARI, TOMEŞTI, GORUNI, VLĂDICENI, PIETRĂRIA, VIŞAN, DEALUL DOAMNEI, DOI PERI, MIROSLAVA, URIC, VOROVEŞTI, BALCIU, BRĂTULENI, CORNEŞTI, HORLEŞTI, BOGDĂNEŞTI, COASTA MORII.

LINK AL DISCIPLINARE DI PRODUZIONE

http://onvpv.ro/sites/default/files/caiet_de_sarcini_doc_iasi_modificat_cf_cererii_1326_1335_2014_pentru_notificarea_com_07.01.2020_no_track_changes.pdf

 

Ricerca rapida : Cerca con le categorie Domanda presentata, News o con i tag Iaşi Dop, domanda presentata, vino

 

Ultimi articoli

  • Vanille de l'île de La Réunion Igp - Francia
  • Jászsági nyári szarvasgomba Igp - Ungheria
  • CUBA Ig - Cuba
  • Nagykunsági szilvapálinka IG
  • Agneau du Périgord Igp - Francia